809 GIGANTESCO E SPETTACOLARE CAMINO REGGENZA IN FASCINOSO MARMO NERO VARENNA

€ 7.800,00

Larghezza max 186 Altezza max 133 Larghezza bocca 143 Altezza bocca 105 Profondità pianale 18

PREZZO IMPONIBILE € 7800 COMPRESA CONSEGNA
("IMPONIBILE" STA PER "+ IVA 4%, 10% o 22% A SECONDA DEI CASI")


MONUMENTALE QUANTO SPETTACOLARE CAMINETTO REGGENZA IN FASCINOSO ED OGGI ESAURITO MARMO NERO VARENNA, QUI PRESENTATO ATTRAVERSO UNA IMMAGINE (LA SECONDA) CHE LO RAFFIGURA MENTRE STIAMO INIZIANDO A SMONTARLO DALLA VILLA DEL LAGO DI COMO NELLA QUALE ERA SITUATO, EPOCA SECONDA META' 800, OTTIMA CONSERVAZIONE.

So già che qualcuno mi chiederà.. "Ma come mai, Maurizio, hanno deciso di smontarlo per venderlo a lei? Forse questo camino è tanto brutto da doversene disfare?! Il suo prezzo, coì basso, fa pensare a questo.."
Allora vi offro subito la risposta: "Il fatto è che nella orientale nazione (vi do un indizio: Lì han tutti gli occhi come il Berlusca, a mandorla..) del compratore di questa favolistica villa il color Nero porta sf... sfortuna.. Mi racconta l'architetto che ha curato e cura i lavori di questa casa che, non appena il nostro uomo giallo ha visto quel camino nero (per la verità anche un altro), ha fatto un balzo e quasi voleva risolvere il contratto d'acquisto dell'immobile. Poi, fortunatamente per me (ma anche per colui che comprerà questo esemplare, perché io l'ho pagato poco ed il mio cliente, calcolando i prezzi stratosferici che hanno raggiunto i caminetti in Nero Profondo come questo è, ne beneficerà), l'uomo giallo ha optato per lo smontaggio dei due camini neri lì esistenti per sostituirli con altri due camini ovviamente da noi acquistati..
SODDISFATTE ORA?
(Scrivo "Soddisfatte" al femminile perché un uomo non farebbe mai domande così maliziose, noi ometti siamo più semplici, e molto, molto più buoni..)

IL PREZZO DI QUESTO INTROVABILE ESEMPLARE E' DA RITENERSI NON "BASSO" COME HO SCRITTO SOPRA, BENSI' OFFENSIVO PER LA IMPORTANZA DEL NOSTRO CAMINO, OFFENSIVO PER IL LONGOBARDO MAESTRO CHE L'HA SCOLPITO, PER L'ARCHITETTO CHE L'HA DISEGNATO ETC... ETC....), SOPRATTUTTO SE SI PENSA A QUANTO COSTANO ESEMPLARI COSIDDETTI "IN STILE" FATTI STANOTTE IN CINA E COMMERCIALIZZATI DALLE MODERNE MARCHE DI CAMINETTI...

Un importante pensatore/filosofo/tuttologo (non chiedetemene il nome, é già tanto che io ne ricordi il concetto..) ha scritto che il passato ed il futuro non contano nulla, che solo il presente è realtà, e quindi vita, esistenza..
A me pare, questa affermazione, una grande boiata..
Noi siamo quello che il Passato ci ha permesso di diventare e sogniamo il Futuro..
Non è giusto, quindi negare il Passato perché siam fatti di Esso e non è giusto che ci venga negata la possibilità del Sogno, ovviamente futuribile per definizione..

L'eleganza antica di questo caminetto ha, magari anche in miliardesima parte, contribuito al buon gusto dei nostri avi e, di riflesso, al nostro buon gusto..
E se il mio sogno è che i nostri contemporanei non decidano di avvilirsi cerebralmente ponendo nelle loro case quegli orrendi rettangoli in acciaio che oggi molti "designer" moderni chiamano caminetti, chi mai avrebbe il coraggio (e la forza) d'impedirmi di sognare??


IMPORTANTE NOTA SULLE MODALITÀ' DELLA CONSEGNA/INCOMPRENSIONI AL MOMENTO DELLO SCARICO

Ho deciso di scrivere questa nota al paragrafo delle consegne in quanto, sempre più spesso, AL MOMENTO DELLO SCARICO, si verificano delle incomprensioni (che poi diventano le telefonate - in sede od al mio collaboratore consegnatario - di cui faccio sotto la trascrizione) del tipo:

A) "Ma io credevo che il vostro dipendente il camino me l'avrebbe portato sino in casa" (Il signore in questione abitava al quarto piano senza ascensore ed il camino aveva parti del peso di circa un quintale cadauna);

B) "Ma come, lei non me lo monta compreso nel prezzo?!" (Il "montaggio" d'un camino può variare, a seconda delle  mille modalità possibili, dai 700/800 € sino ai 3-4000 € e magari qual camino costava 1500 €..);

C) Il nostro dipendente consegnatario (che da più di vent'anni a questa parte spende giornate al telefono solo per cercare (giustamente, no?) di soddisfare al massimo le esigenze di tempo dei clienti), spesso si trova alle prese con una cliente con la quale, ad esempio, aveva concordato il rendez-vous per la consegna alle 16 del pomeriggio, la quale cliente, dimentica dell'orario stabilito, come nulla fosse, gli dice.. "Beh, porti pazienza ma io prima delle ore 20 non sarò a casa, si figuri che devo ancora passare dalla parrucchiera";

D) Si è concordato un pagamento in contanti tra noi ed il cliente al momento dell'acquisto. Poi, al momento della consegna (da tener presente che noi concordiamo il giorno e l'ora della consegne ALMENO tre giorni prima con il cliente) il cliente non ha i contanti concordati e magari sfodera un assegno delle Poste Italiane (i più falsificati al mondo!!). Così, se va bene, il nostro dipendente deve aspettare che il cliente vada in banca a fare il prelievo che non aveva fatto prima oppure il mio collaboratore deve ricaricare il tutto e perdere magari mezza giornata oltre a tutte le spese che una trasferta comporta (E SON TANTE, CREDETEMI!);

MORALE DELLA FAVOLA/CONSIDERAZIONI PER EVITARE CHE CERTE SITUAZIONI NON SI DEBBANO PIU' VERIFICARE:

Nel caso A) i clienti hanno evidentemente travisato il concetto di "CONSEGNA" mutandolo in "PRETESA DI PRESTAZIONE DA SCHIAVO EGIZIANO". A questo proposito rammento a questi signori che la schiavitù finisce con Lincoln nel secolo XIX° e che, salvo non ci sia un ascensore utilizzabile (nel qual caso il mio dipendente farà il possibile per portare sino all'appartamento le varie parti del camino), il sollevamento di oggetti così importanti, FATTI SALVI I CONTRATTI DI TRASLOCHI,  è a carico dell'acquirente. Come da Usi e Costumi civilissimi in vigore in Italia più o meno da un centinaio d'anni.

Nel caso B) invece, il cliente confonde un termine singolo e semplicissimo quale "CONSEGNA" con una frase complessa quale "CONSEGNA CON PRINCIPESCO REGALO ANNESSO".

Nei casi C) e D), che accomuno, la dimenticanza o la sottovalutazione di un impegno preso diventa MALEDUCAZIONE soprattutto nei confronti di chi lavora, magari distante centinaia di km da casa, magari costringendo il mio dipendente a far brutte figure con il cliente che sta aspettando la consegna successiva.

Add to cart