207 CAMINETTO "CANNELURE" IN MARMO GIALLO FIORITO

€ 2.400,00

Larghezza max 126 Altezza max 106 Larghezza bocca 86 Altezza bocca 82 Profondità pianale 36

PREZZO IMPONIBILE € 2400 COMPRESA CONSEGNA. ("IMPONIBILE" STA PER "+ IVA 4%, 10% o 22% A SECONDA DEI CASI")


CAMINETTO LUIGI XVI "CANNELURE" IN BELLA ED OMOGENEA QUALITA' DI MARMO GIALLO FIORITO.

SE E' GIA' PIUTTOSTO RARO IMBATTERSI IN UN QUALUNQUE CAMINO IN GIALLO FIORITO, E' QUASI IMPOSSIBILE TROVARNE UNO NELLO STILE LUIGI XVI.. DIFFICILE COMPRENDERE IL MOTIVO PER CUI I CAMINETTI DI QUESTO STILE VENIVANO PER LO PIU' FABBRICATI IN BIANCO CARRARA, PIU' VOLTE MI SON TROVATO A RIFLETTERE SU QUESTO DATO DI FATTO, MAI SON RIUSCITO A DARMI UNA RISPOSTA CERTA E STORICAMENTE ACCETTABILE.

PROBABILMENTE LE SUE LINEE PULITE E MINIMALISTE, NELL'IMMAGINARIO DELLO SCULTORE E DEL CLIENTE OTTOCENTESCO, DOVEVANO VESTIRSI DI UN MARMO DAL COLORE ALTRETTANTO "PULITO", CHISSA'..

QUI SIAMO DINNANZI AD UN CAMINETTO IN PERFETTE CONDIZIONI DI CONSERVAZIONE, DI COSTRUZIONE 1860-80, PROVENIENTE DA UN PALAZZO DI PARIGI.

NOTE PRATICHE: ASSISTENZA MONTAGGIO CAMINETTO, TIPI DI MONTAGGI, COSTI MONTAGGIO

Artis è in grado (in quasi ogni zona d'Italia) di assistere il suo cliente tramite fumisti professionisti ben conosciuti e selezionati nel corso degli ormai tanti (troppi, accidenti al tempo che corre più della Ferrari!!) decenni della nostra attività.
In sostanza, noi mettiamo in contatto il nostro cliente con un fumista professionista ed in questo modo “saltiamo” l’inevitabile ricarico che dovremmo chiedere al cliente se l’appalto del montaggio fosse tra noi ed il cliente stesso.

I fumisti con cui collaboriamo possono eseguire diversi tipi di montaggio del vostro caminetto:
A) Quello tradizionale, cioè con costruzione del focolare in opera e combustione a legna;
B) Quello con focolare prefabbricato, chiuso con vetro od aperto;
C) Ed infine, quello con bruciatore a bioetanolo, non necessitante di canna fumaria.

I fumisti da noi consigliati effettueranno gratuitamente un sopralluogo nel vostro cantiere e vi proporranno un preventivo davvero in linea con i prezzi più bassi del mercato. Se voi accetterete detto preventivo, il pagamento sarà richiesto solo dopo il collaudo definitivo del focolare.
Io credo che non sia possibile far meglio i vostri (e di riflesso anche i nostri) interessi, voi che ne dite?!


IMPORTANTE NOTA SULLE MODALITÀ' DELLA CONSEGNA/INCOMPRENSIONI AL MOMENTO DELLO SCARICO

Ho deciso di scrivere questa nota al paragrafo delle consegne in quanto, sempre più spesso, AL MOMENTO DELLO SCARICO, si verificano delle incomprensioni (che poi diventano le telefonate - in sede od al mio collaboratore consegnatario - di cui faccio sotto la trascrizione) del tipo:

A) "Ma io credevo che il vostro dipendente il camino me l'avrebbe portato sino in casa" (Il signore in questione abitava al quarto piano senza ascensore ed il camino aveva parti del peso di circa un quintale cadauna);

B) "Ma come, lei non me lo monta compreso nel prezzo?!" (Il "montaggio" d'un camino può variare, a seconda delle  mille modalità possibili, dai 700/800 € sino ai 3-4000 € e magari qual camino costava 1500 €..);

C) Il nostro dipendente consegnatario (che da più di vent'anni a questa parte spende giornate al telefono solo per cercare (giustamente, no?) di soddisfare al massimo le esigenze di tempo dei clienti), spesso si trova alle prese con una cliente con la quale, ad esempio, aveva concordato il rendez-vous per la consegna alle 16 del pomeriggio, la quale cliente, dimentica dell'orario stabilito, come nulla fosse, gli dice.. "Beh, porti pazienza ma io prima delle ore 20 non sarò a casa, si figuri che devo ancora passare dalla parrucchiera";

D) Si è concordato un pagamento in contanti tra noi ed il cliente al momento dell'acquisto. Poi, al momento della consegna (da tener presente che noi concordiamo il giorno e l'ora della consegne ALMENO tre giorni prima con il cliente) il cliente non ha i contanti concordati e magari sfodera un assegno delle Poste Italiane (i più falsificati al mondo!!). Così, se va bene, il nostro dipendente deve aspettare che il cliente vada in banca a fare il prelievo che non aveva fatto prima oppure il mio collaboratore deve ricaricare il tutto e perdere magari mezza giornata oltre a tutte le spese che una trasferta comporta (E SON TANTE, CREDETEMI!);

MORALE DELLA FAVOLA/CONSIDERAZIONI PER EVITARE CHE CERTE SITUAZIONI NON SI DEBBANO PIU' VERIFICARE:

Nel caso A) i clienti hanno evidentemente travisato il concetto di "CONSEGNA" mutandolo in "PRETESA DI PRESTAZIONE DA SCHIAVO EGIZIANO". A questo proposito rammento a questi signori che la schiavitù finisce con Lincoln nel secolo XIX° e che, salvo non ci sia un ascensore utilizzabile (nel qual caso il mio dipendente farà il possibile per portare sino all'appartamento le varie parti del camino), il sollevamento di oggetti così importanti, FATTI SALVI I CONTRATTI DI TRASLOCHI,  è a carico dell'acquirente. Come da Usi e Costumi civilissimi in vigore in Italia più o meno da un centinaio d'anni.

Nel caso B) invece, il cliente confonde un termine singolo e semplicissimo quale "CONSEGNA" con una frase complessa quale "CONSEGNA CON PRINCIPESCO REGALO ANNESSO".

Nei casi C) e D), che accomuno, la dimenticanza o la sottovalutazione di un impegno preso diventa MALEDUCAZIONE soprattutto nei confronti di chi lavora, magari distante centinaia di km da casa, magari costringendo il mio dipendente a far brutte figure con il cliente che sta aspettando la consegna successiva.

Add to cart