243 RAFFINATO NEOCLASSICISMO IN 105 CM DI CAMINETTO

€ 5.200,00

AVVERTENZA: QUESTO CAMINO È ATTUALMENTE RISERVATO IN FAVORE D'UN NOSTRO CLIENTE (MER).

Larghezza max 105,5 - Altezza max 103,5 - Larghezza bocca 64 - Altezza bocca 79,5 - Profondità pianale 36 cm

PREZZO IMPONIBILE € 5200 COMPRESA CONSEGNA
("IMPONIBILE" STA PER "+ IVA 4%, 10% o 22% A SECONDA DEI CASI")

Graziosissimo, Piccolissimo e Perfettissimo Luigi XVI "Quirinale".
Non mi era mai capitato d'incontrarne un esemplare di così lillipuziane dimensioni.
In genere, infatti, questo modello di camino veniva costruito per adornare un salone, insomma era un oggetto "di rappresentanza" e di conseguenza doveva avere ragguardevoli misure.
Invece, più o meno intorno all'anno 1860, un facoltoso abitante di Parigi, invaghitosi di quell'aggettante frontale e di quella coppia di deliziose rose scolpite ai lati dello stesso, decide di dotare le proprie camere da letto di "quella" bellezza, in luogo d'un altro, magari più serioso e semplice, Luigi XVI...
Ci giurerei sul fatto che questo signore sia rimasto colpito egli stesso dalla maggior grazia acquisita da questo camino rispetto ai suoi più larghi confratelli proprio per via delle piccole misure necessarie all'intimo notturno ambiente cui era destinato quel caminetto.

Interessante anche l’apposizione dei cosiddetti flauti pompeiani (detti anche "mezze matite" dai moderni designer's) alle gambe, in questo caso eruttanti fiorellini  posti uno sull’altro, ornato che raffigura poeticamente l’innalzarsi delle faville.
Una curiosità: sapete come i francesi chiamano questa decorazione floreale?
Non, come sarebbe giusto per motivi storici e culturali “flauti pompeiani” (visto che è da quelle pitture murali che gli Ateliers des Arts li hanno copiati), bensì “flammeches” (che, appunto, significa “faville”) oppure, piu’ volgarmente “asperges” (che significa “asparagi”) per via di una certa somiglianza di questi sottili steli fioriti con la verzura sparagina.

Perfetta conservazione, notevole leggerezza, caratteristica difficile da raggiungere in un camino d'impianto architettonico lineare come il Luigi XVI, provenienza parigina, scultura italiana, prezzo offensivo per l'ottocentesco scultore che l'ha realizzato.


NOTE SULL'AGGETTIVO "IMPONIBILE" APPLICATO AI PREZZI DEI CAMINI:

I prezzi pubblicati debbono intendersi senza IVA.

Qualcuno penserà.. "Fanno i furbi, mettono i prezzi senza l'IVA e poi zac !! ..
Te la chiedono a bruciapelo quando meno te l'aspetti.."

Mia moglie dice che "a pensar male ci si prende sempre..", però stavolta ha torto, mia moglie, ed anche voi che state pensando questa cosa da commercianti levantini..

LA REALTA', INVECE, E' QUESTA:
I prezzi sono pubblicati senza IVA perché in Italia (paese ancora borbonico in quanto ad amministrazione pubblica.), l'IVA sui caminetti (antichi o nuovi non importa..) può essere:
A) al 4% se prima casa non di lusso ma solo se di nuova costruzione;
B) al 10% se trattasi di ristrutturazione;
C) al 22% negli altri casi.
Insomma essa varia a seconda della categoria fiscale del cliente.

Ed allora noi, che dovremmo fare?
Pubblicare tre prezzi?
E magari ingenerare ancor più confusione?

Add to cart