212 AG IL PIU' IMPORTANTE CAMINETTO "TROIS FLEURS" DEL NOSTRO MAGAZZENO

€ 13.500,00

Larghezza max 130 - Altezza max 107 - Larghezza bocca 85 - Altezza bocca 81 - Profondità pianale 40 cm
(Misure bocca controcuore: Larghezza 44 - Altezza 59 cm)

PREZZI IMPONIBILI: 
- CAMINO € 13500
- CONTROCUORE (PER CHI LO DESIDERASSE) € 1400

RARA (E MIGLIORATIVA) INTERPRETAZIONE DI CAMINETTO LUIGI XVI "TROIS FLEURS" IN MARMO BIANCO DI CARRARA, SCULTURA CARRARINA D'EPOCA NAPOLEONE III (1860-80), PROVENIENZA PARIGI, OTTIMA CONSERVAZIONE E GIUSTA PATINA.

Al mondo c'é chi é sfortunato come Paperino e chi, come il cugino Gastone, nasce con la camicia..

L'antico caminetto che sto qui presentandovi dev'esser parente del mitico Gastone, visto che annovera in sé tutte le fortune a lui possibili, nessuna esclusa..

Non appena l'ho visto, questo caminetto "Trois Fleurs" ha fatto nascere il me questo pensiero: "Questo è, della sua illustre categoria, certamente il primo della classe!"

Vediamone insieme, se ne avete la voglia e la pazienza, le sue tante ed invidiabili peculiarità:

1) la scelta delle lastre di marmo con cui costruirlo é stata davvero ben fatta.. E comunque, "é stata", dovete infatti considerare (ed a chi verrà al mio magazzeno dimostrerò visivamente come questo fatto fosse usuale nei laboratori di scultura ottocenteschi..) dovete infatti, stavo dicendo, considerare che in genere, una volta selezionate le lastre di Carrara con cui scolpire "la facciata" del caminetto, per i fianchi ed il pianale si ricorreva a lastre di minor qualità (e costo..). Qui, invece, abbiamo grande ed efficace omogeneità dei toni del Carrara usato in ogni sua parte.

2) Questo caminetto è dotato del suo controcuore d'origine in ghisa, cosa questa che capita ben poche volte.. In genere, infatti, quei pochi controcuori sul mercato vengono spaiati, divisi dai caminetti che li contenevano, e venduti a parte.. E così capita quasi sempre che al cliente che chiede il controcuore, venga proposto l'adattamento di un controcuore che all'origine era contenuto in altro caminetto.. Trattandosi quindi di un "adattamento", voi capirete che sarà necessario, appunto, adattarsi al fatto che i due "sposati per forza" non collimino perfettamente.. Qui, invece, TUTTO COLLIMA alla perfezione, tutto è giusto, tutto è perfetto artistico equilibrio, e non è poco.

3) Tutti i caminetti "Trois Fleurs" si somigliano, ed al profano spesso non é facile capire quale sia meglio scolpito e quale no.. Qui, invece, chiunque può accorgersi (salta agli occhi !!) quanto buona sia stata la mano del maestro scultore che detto camino ha realizzato. Le sculture sono decisamente rilevate, le foglie son fini che vien voglia di toccarle, insomma la qualità di scultura c'é tutta ed é incontestabile.

4) Oltre alla qualità scultorea di cui abbiamo parlato nel capitoletto sopra, qui abbiamo anche la "quantità", nel senso che ben pochi camini hanno quelle file di perle (lavorazione detta "a perlage" in francese e "a corallo" in italiano) che fanno da contorno al frontale del nostro esemplare. Non solo, guardate quel nastro sullo zoccolo del caminetto (particolare rarissimo a trovarsi) non vi pare.."ricamato"? Il frontale (è degno di nota il fatto che sia aggettante..) reca i classici "tre fiori" che danno il nome a questa nobilissima famigliola di Luigi XVI. Ebbene, tutte queste "rose" hanno un particolare movimento (che non riscontrerete nel 99% degli altri appartenenti a questa famiglia), tanto particolare che le due rose ai lati vengono appellate "Etoilles" e rappresentano la Stella per eccellenza, cioè la Stella Cometa!!

5) Valutatene bene la sua misura piccola e simpatica (130 cm) perché normalmente questi importanti caminetti erano realizzati in misure decisamente più generose, e questo perché avrebbero adornato il locale più importante della casa, il salone di rappresentanza, all'epoca quasi una piazza d'armi. Mentre il nostro esemplare ben si proporzionerà alle misure delle nostre moderne abitazioni.

6) Per una volta vorrei dare un certo rilievo al controcuore del caminetto, e questo perché questo specifico accessorio "stringibocca", oltre alla finissima qualità di fusione e disegno, ha una sua importante, anzi direi... fondamentale (non sto esagerando, quando conoscerete i fatti mi darete ragione), significazione.
QUAL'E' LA SUA DECORAZIONE PIU' IMPORTANTE, QUELLA CHE SI TROVA SEMPRE AL CENTRO DEL FRONTALE? Una fiaccola ed una faretra, incrociate tra loro e sormontate da un "nodo d'amore"..
E' tutto molto chiaro.
Mettete a letto i bambini che ora tratteremo argomenti amorosi, anzi, quasi erotici.
a) La fiaccola rappresenta la passione amorosa (non "L'ammore eterno", quello narrato nelle riviste tipo Grand Hotel o nei fotoromanzi Lancio, bensì l'amore nella sua significazione diciamo... più di pelle). 
b) La faretra è la fodera per eccellenza, il sesso femminile tout-court, in sostanza il motore dell'Universo.
c) In nostra salvazione, per fortuna (?!) il tutto è sormontato da un nodo d'amore, il quale nodo certifica ed ammette le sopra dette pratiche amorose nel nome (questa volta sì..) dell"Ammore Eterno", dei valori famigliari, della corretta e necessaria procreazione etc... etc...
Così ci salviamo in corner e facciamo contento anche il Pope Francis..

Ultima nota "pratica": Sarebbe un delitto dividere questo caminetto dal suo controcuore, ma capirei il cliente che desiderasse avere il focolare del proprio caminetto il più possibile aperto, cioè senza il restringimento che il controcuore stesso forzatamente crea, per questo ho diviso i due prezzi.

Add to cart