011 AG GRANDE CAMINO LUIGI XV FLOREALE SCOLPITO IN MARMO BIANCO CARRARA CON PROPRIO CONTROCUORE D'ORIGINE

€ 12.500,00

Larghezza max 165 - Altezza max 115 - Larghezza bocca 75 - Altezza bocca 69 - Profondità pianale 42 cm
(le misure bocca si riferiscono, ovviamente, alla bocca del controcuore)

PREZZO IMPONIBILE LOTTO DI CAMINO E CONTROCUORE € 12.500 COMPRESA CONSEGNA.
QUESTA VENDITA NON E' DISGIUNGIBILE.


QUANDO DEVO COMMENTARE UN'OPERA D'ARTE COME QUESTO IMPORTANTE CAMINO FLOREALE, PER UN MOMENTO MI SENTO IMPOTENTE.
CHE ALTRO POTREI, IO, AGGIUNGERE AD IMMAGINI TANTO ELOQUENTI ED ESAUSTIVE?!

LA QUALITA' DELLE SCULTURE SALTA ALL'OCCHIO, ED ANCHE LA SUA QUANTITA' DI CARICO DECORATIVO; DAL FRONTONE ALLE GAMBE, DAI FIANCHI AI PIEDI, TUTTO E' RIGOGLIO FOGLIACEO E FLOREALE.
FINANCO IL CONTROCUORE E' DI ALTA QUALITA' DI FUSIONE, VI BASTI GUARDARE IL VOLTO DI QUEI PUTTI, NE VEDRETE L'ESPRESSIONE IN UNA MANCIATA DI MILLIMETRI!! OGGI COME OGGI NESSUN FONDITORE RIUSCIREBBE IN UNA SIMILE IMPRESA.

DECIDO QUINDI DI SOFFERMARMI, PIU' CHE SUI PARTICOLARI DI TECNICA SCULTOREA DI QUESTO CAMINO, SULLE SIGNIFICAZIONI DI ALCUNE SUE FIGURE.

PARTIAMO DAL BASSORILIEVO A FORMA DI CUORE POSTO AL CENTRO DEL FRONTALE.
Non è solamente un augurio di "amore famigliare" tout-court, anche se è ANCHE questo. 
Il cuore, infatti, rappresenta anche la vita, il suo è, appunto, un battito vitale ed unitamente al fuoco del focolare (crepitante di vita anch'esso) rappresenta una incitazione alla buona vita, la quale vita, se è BUONA E LUNGA è anche BELLA.
ANCHE NEL CONTROCUORE ABBIAMO DUE AUGURAZIONI, UNA COMPLEMENTARE ALL'ALTRA.
Il putto che vediamo a sinistra porta in dono un cesto ricolmo di frutti (auguranti prosperità, ricchezza) mentre quello di destra ha nel cesto dei fiori (la bellezza).
 
QUESTE SIMBOLIGIE APPAIONO, MAGARI, UN POCO "MATERIALISTE" MA CERTAMENTE UNA VITA RICCA E' ANCHE UNA VITA MIGLIORE, COME DICEVA QUEL FAMOSO FILOSOFO ARBORIANO DI CUI NON RICORDO IL NOME  IN "QUELLI DELLA NOTTE".

PROVENIENZA COSTA AZZURRA, PERFETTA CONSERVAZIONE, EPOCA META' OTTOCENTO

ECOLOGIA E CAMINETTI ANTICHI
Si fa un gran parlare di problemi di ecologia, della necessità di mantenere una qualche armonia ambientale prima d'incorrere nel disastro totale, ebbene, anche la scelta d'un caminetto antico in luogo d'uno di moderna industriale produzione può dare il suo piccolo contributo a questa causa. 
Perché, vi chiederete?
Ma perché un caminetto antico è fatto d'un marmo o d'una pietra che sono già state cavate, e non necessita quindi di materiali di nuova estrazione.. Le nostre Alpi Apuane, già così dissestate da millenni di cavazione, non hanno certo bisogno di altri sfregi, e così per tutte quelle situazioni estrattive in ogni parte del mondo, selvaggiamente (specie nei paesi cosiddetti "emergenti"..) deturpate nel loro aspetto e nella loro morfologia con le inevitabili idrogeologiche conseguenze.
Un altro punto "ecologico"a favore dell'antico caminetto sta nel fatto che i caminetti antichi venivano assemblati con materiali del tutto naturali (in particolare con gesso) e non con mastici plastici o siliconici come accade oggi. La loro scultura, poi, era del tutto manuale, e non produceva quei liquami di scarto che le moderne macchine sputano ad ogni pezzo e che poi, magari, ci ritroviamo gettate abusivamente in mare od in qualche cava dismessa dato l'alto costo del loro smaltimento di legge..

Meditate gente, meditate..

Add to cart