002GH CAMINETTO "LARCHER" IN GHISA ARTISTICA SU ARCHITETTURA LUIGI XV

€ 1.700,00

Larghezza max 102 - Altezza max 100 - Larghezza bocca 43 - Altezza bocca 61 - Profondità pianale 30

PREZZO IMPONIBILE € 1700 CONSEGNA COMPRESA
("IMPONIBILE" STA PER "+ IVA 4%, 10% o 22% A SECONDA DEI CASI")


DOVEROSA PREMESSA: QUEL "FIL DI FERRO" CHE VOI VEDETE POSTO A META' FRONTALE E', APUNTO, UN FIL DI FERRO E NON (COME MI HA APPENA CHIESTO UN CLIENTE AL TELEFONO) IL SEGNO DI UNA SPACCATURA. TRATTASI DI UNA LEGATURA, DICIAMO COSI', DI SICUREZZA, MAGARI UN POCO GROSSOLANA CHE, AL PIU' PRESTO, CERCHERO' DI SOSTITUIRE CON ALTRO FERMAGLIO.

Detto questo, veniamo a noi, anzi al nostro minimalista caminetto Larcher.
E', in effetti, l'esemplare più semplice prodotto da questa Fonderia d'Arte, operante dalla fine dell'Ottocento sino ai primi decenni del Novecento.
Più "semplice" in fatto di quantità decorativa, ma non in fatto di qualità, la quale rimane sempre quella, insuperabile, di questa Maison i cui proprietari erano conosciuti artisti. Il padre era un grande e ricercato disegnatore di tipi Art Nouveau mentre il figlio, definito "Maestro Giovane" dai suoi contemporanei, era un ottimo scultore e, purtroppo, morì giovanissimo.

Provate a guardarne la parte decorata: Mille rombetti contengono mille fiorellini, sono piccolissimi sia i rombetti che i fiorellini, eppure riusciamo a "leggerli" con chiarezza. Se la fusione fosse grossolana, voi vedreste dei grumi ferrosi attraverso i quali potreste solo IMMAGINARE cosa il fonditore avesse voluto rappresentare.
Solamente fusioni "a terra verde", cioè con polvere di terra finissima, permettevano di raggiungere questi traguardi di finezza.
Ed i Larcher, ovviamente, mettevano in atto questo genere di fusione.

PARIGI, PRIMI ANNI DEL NOVECENTO, PERFETTA CONSERVAZIONE, PULIZIA DELLE SUPERFICI E CERATURA A GRAFITE AVVENUTI DEL TUTTO MANUALMENTE (E LO SI VEDE).
Add to cart