900 LILLIPUZIANO (ED ANCHE PER QUESTO SIMPATICISSIMO) CAMINETTO LUIGI XV FLOREALE IN PIERRE DORÉE

€ 4.700,00

Larghezza max 116 - Altezza max 103 - Larghezza bocca 84 - Altezza bocca 85 - Prof. pianale 29

PREZZO IMPONIBILE € 4700 COMPRESA CONSEGNA 
("IMPONIBILE" STA PER "+ IVA 4%, 10% o 22% A SECONDA DEI CASI")


CAMINETTO REGGENZA IN PIERRE DOREE DU BEAUJOLAIS, EPOCA SECONDA META' DELL'OTTOCENTO, OTTIME CONDIZIONI DI CONSERVAZIONE, PROVENIENZA PARIGINA, SCULTURA BORGOGNONA.

Il suo stilismo risale al secolo XVIII° ed è un mischio di Luigi XIV e Luigi XV..
A mio parere lo stile Reggenza rappresenta il Barocco più leggero, meno "pesante", spesso anche a livello di carico decorativo..
E questo stile, che tanto successo ha avuto nel Settecento, è stato quasi del tutto dimenticato nell'Ottocento, almeno sino all'avvento dell'Art Nouveau, periodo stilistico che un poco la Reggenza (almeno nella sua architettura) ha riscoperto..
E' brutto parlare di vil moneta, ma so già che qualcuno (genovesi in testa) mi dirà che questo camino è caro, in particolare considerando che la sua epoca (seconda metà '800) non è di quelle più importanti.... E forse è pure vero, ma è tutta questione di mercato..
Mi spiego: Camini così se ne trovan pochi, e quei pochi hanno in genere misure grandi o molto grandi..
Mentre invece la donna (la mia, la vostra e tutte le Femmine del mondo, quando si parla di moda e/o di stile van tutte all'unisono..) un camino come questo lo vuole... PICCOLO....
Solo così è più GRAZIOSO e, soprattutto, PROPORZIONATO ai nostri moderni e sempre più lillipuziani ambienti... (letto con la voce della Vanna Marchi) CAPITOOOOOO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

INSOMMA, SE QUESTO CAMINETTO PUO' ESSER RITENUTO "CARO", SIGNORI MIEI, LA COLPA E' TUTTA DELLE NOSTRE MOGLI E DELLE RIVISTE D'ARREDO CHE, AL GRIDO "OGGI SOLO L'ARREDO 'PROVENZALE' HA DIRITTO DI ESISTERE", TANTO SPINGONO VERSO IL CAMINO CHE SIA, INSIEME, PICCOLO,  ELEGANTE ED IN PIETRA DI CALDO COLORE, QUADRINOMIO DI QUALITA' CHE IN BEN POCHI ESEMPLARI PUO' ESSER RITROVATO.
E CHE NEL NOSTRO CAMINO ESISTE, ECCOME !!


IMPORTANTE NOTA SULLE MODALITÀ' DELLA CONSEGNA/INCOMPRENSIONI AL MOMENTO DELLO SCARICO

Ho deciso di scrivere questa nota al paragrafo delle consegne in quanto, sempre più spesso, AL MOMENTO DELLO SCARICO, si verificano delle incomprensioni (che poi diventano le telefonate - in sede od al mio collaboratore consegnatario - di cui faccio sotto la trascrizione) del tipo:

A) "Ma io credevo che il vostro dipendente il camino me l'avrebbe portato sino in casa" (Il signore in questione abitava al quarto piano senza ascensore ed il camino aveva parti del peso di circa un quintale cadauna);

B) "Ma come, lei non me lo monta compreso nel prezzo?!" (Il "montaggio" d'un camino può variare, a seconda delle  mille modalità possibili, dai 700/800 € sino ai 3-4000 € e magari qual camino costava 1500 €..);

C) Il nostro dipendente consegnatario (che da più di vent'anni a questa parte spende giornate al telefono solo per cercare (giustamente, no?) di soddisfare al massimo le esigenze di tempo dei clienti), spesso si trova alle prese con una cliente con la quale, ad esempio, aveva concordato il rendez-vous per la consegna alle 16 del pomeriggio, la quale cliente, dimentica dell'orario stabilito, come nulla fosse, gli dice.. "Beh, porti pazienza ma io prima delle ore 20 non sarò a casa, si figuri che devo ancora passare dalla parrucchiera";

D) Si è concordato un pagamento in contanti tra noi ed il cliente al momento dell'acquisto. Poi, al momento della consegna (da tener presente che noi concordiamo il giorno e l'ora della consegne ALMENO tre giorni prima con il cliente) il cliente non ha i contanti concordati e magari sfodera un assegno delle Poste Italiane (i più falsificati al mondo!!). Così, se va bene, il nostro dipendente deve aspettare che il cliente vada in banca a fare il prelievo che non aveva fatto prima oppure il mio collaboratore deve ricaricare il tutto e perdere magari mezza giornata oltre a tutte le spese che una trasferta comporta (E SON TANTE, CREDETEMI!);

MORALE DELLA FAVOLA/CONSIDERAZIONI PER EVITARE CHE CERTE SITUAZIONI NON SI DEBBANO PIU' VERIFICARE:

Nel caso A) i clienti hanno evidentemente travisato il concetto di "CONSEGNA" mutandolo in "PRETESA DI PRESTAZIONE DA SCHIAVO EGIZIANO". A questo proposito rammento a questi signori che la schiavitù finisce con Lincoln nel secolo XIX° e che, salvo non ci sia un ascensore utilizzabile (nel qual caso il mio dipendente farà il possibile per portare sino all'appartamento le varie parti del camino), il sollevamento di oggetti così importanti, FATTI SALVI I CONTRATTI DI TRASLOCHI,  è a carico dell'acquirente. Come da Usi e Costumi civilissimi in vigore in Italia più o meno da un centinaio d'anni.

Nel caso B) invece, il cliente confonde un termine singolo e semplicissimo quale "CONSEGNA" con una frase complessa quale "CONSEGNA CON PRINCIPESCO REGALO ANNESSO".

Nei casi C) e D), che accomuno, la dimenticanza o la sottovalutazione di un impegno preso diventa MALEDUCAZIONE soprattutto nei confronti di chi lavora, magari distante centinaia di km da casa, magari costringendo il mio dipendente a far brutte figure con il cliente che sta aspettando la consegna successiva.

Add to cart