347 AG RARISSIMO CAMINO LUIGI XIV FLOREALE

€ 4.800,00

Larghezza max 140 Altezza max 116 Larghezza bocca 102 Altezza bocca 99 Profondità pianale 44
PREZZO IMPONIBILE € 4800 COMPRESA CONSEGNA
("IMPONIBILE" STA PER "+ IVA 4%, 10% o 22% A SECONDA DEI CASI")

Quanti amori ho vissuto nella mia già lunga vita... Uno ogni volta che un caminetto (sarebbe più corretto scrivere "una caminetta"..) mi ha fatto palpitare il cuore.. Come anche ora mi capita con questo splendido ed introvabile Luigi XIV ottocentesco.. Dovete sapere che questo stile é stato, nell'ottocento, praticamente dimenticato a tutto favore dei caminetti Luigi XV e XVI.. Il mitico Boudin (importante e famoso costruttore provenzale di metà ottocento) ha tentato di risvegliare l'interesse per questo stile, ma.. la sua autarchia e la mancanza di scultori francesi lo ha costretto a limitarsi ai modelli più semplici e minimalisti..
E così ben pochi caminetti antichi Luigi XIV é possibile ritrovare in commercio..

Dopo questo minimo antefatto amoroso-storico-stilistico, veniamo al nostro esemplare di caminetto:

Credo che la prima sensazione che si prova al vederlo consista in una impressione di forza e potenza.. Attenzione, non é una "impressione", é proprio (e questo era dovuto a situazioni costruttive di cui qui non parlerò per non tediarvi, ma che dirò a chi sia interessato al suo acquisto..), é proprio, dicevo, che le sue lastre hanno spessori importanti..

Poi si percepisce come il suo disegno sia piuttosto inusuale, eppure elegante..

Ecco: Eleganza e Forza sono le caratteristiche generali e più evidenti di questo caminetto..

Scendendo poi ad esaminare le sue decorazioni, anch' esse ci portano a considerare come esse siano ben poco "viste", al contrario di quanto accade per i caminetti Luigi XV o Luigi XVI, i quali, per la loro notevole diffusione, ci hanno abituato alle loro scolpiture..

Non ho più spazio per scrivere, vado quindi alle sue note "tecniche":

L'ABBIAMO RECUPERATO IN PROVENZA, E' DAVVERO DI FORTE COSTITUZIONE FISICA (DOVRA' SUBIRE POCHISSIMI RITOCCHI E NON IN PARTI IMPORTANTI..), L'EPOCA DELLA SUA SCULTURA E' DA DATARSI INTORNO ALLA META' DELL'OTTOCENTO.

CONSIGLIO N° 64 AI MARITI DI ACCOMPAGNO:

Marisa (vostra moglie) e Mario (voi), state aggirandovi nel magazzeno della Artis da ormai un’oretta (ndr: quindi molto oltre le possibilità di resistenza del Mario, il quale può resistere tre ore filate davanti al televisore che manda in onda una partita, anche noiosissima, della Juve, ma dopo venti minuti di “negozio con moglie” è esausto e sta pensando che forse farebbe meglio a chiedere il divorzio..) ed ecco che Marisa sbotta con un “Ascolta, Mario, tra questo camino Bleu Turquin e quello in Bianco Carrara, TU, che preferisci?!” (stava per dire “Tu, che preferiresti?”, ben sapendo che il Mario non ha alcuna possibilità di scelta, ma rapida di mente come solo le femmine sono, decide di non offendere la propria scalcinata metà e di fargli credere che la sua sia una effettiva richiesta di parere).

Mario sente un brivido freddo percorrergli la schiena… “Quello che vuoi tu, tesoro…” balbetta invece di ricercare una risposta che abbia un qualche senso logico…

“Scusa, Mario, ma tu preferisci quello turchino o quello bianco?”

Mario strabuzza gli occhi alla disperata ricerca di una rapida e consistente risposta (la quale, come era accaduto prima, non gli viene neanche a morire..) e dopo qualche interminabile secondo e con fare evidentemente nervoso risponde alla Marisa con un (scelta del tutto casuale e detta senza alcuna convinzione) “…Quello bianco…”.

“Perché?! Cosa c’è che non va in quello turchino?! È l’immediata e rimproverante risposta della dolce sua metà..

Allora il Mario, in un riflesso (pallido, eh..) di residua virilità, risponde alla virago al suo fianco con un.. “Ma se non volevi la mia opinione, perché me l’hai chiesta?!

E TUTTO VA IN MALORA, DI CERTO LA SERATA NON SI CONCLUDERA’ POSITIVAMENTE PER IL MARIO, IL QUALE, INVECE, AVREBBE DOVUTO COMPORTARSI COME DA COPIONE QUI SOTTO, CIOE’ ANDANDO ALL’ATTACCO:

Marisa: “Ascolta, Mario, tra questo camino Bleu Turquin e quello in Bianco Carrara, TU, che preferisci?!”

Mario: “ Tu hai già un’idea, cara?”

Marisa (è presa alla sprovvista, si aspettava la solita inutile quanto casuale preferenza del suo maschietto ed invece viene costretta essa stessa a dare una risposta..): “Ma sì, un’idea ce l’avrei.. Quello turchino si prende bene con le tende che abbiamo in sala ed anche col copridivano di Caleffi che devo ancora spianare, il quale ha i bordi in un velluto dello stesso tono..”

Mario (con affondo conclusivo alla D’Artagnan): “Ottima scelta!! Sarà fantastica la nostra sala con quel caminetto! Mi piaceva anche prima, questo camino, ma adesso che mi hai spiegato questi abbinamenti, mi par d’essermene innamorato!”

QUESTA VERSIONE DI MARIO, STATENE CERTI, PASSERA’ UNA SERATA MERAVIGLIOSA, CON CERTEZZA DI DOPOCENA COME DA TEMPO NON GLI CAPITAVA..

Add to cart