502 MAESTOSO CAMINO "GRIFFES DE LION" SCOLPITO IN MARMO BIANCO DI CARRARA

€ 5.400,00

Larghezza max 149 - Altezza max 108,5 - Larghezza bocca 107 - Altezza bocca 81 - Profondità pianale 43

PREZZO IMPONIBILE € 5400 CONSEGNA A CARICO NOSTRO
("IMPONIBILE" STA PER "+ IVA 4%, 10% o 22% A SECONDA DEI CASI")

CAMINO CARLO X D'EPOCA, APPELLATO UNIVERSALMENTE "GRIFFES DE LION", SCOLPITO IN MARMO BIANCO DI CARRARA, EPOCA 1830-35, PROVENIENZA COSTA AZZURRA, OTTIMA CONSERVAZIONE E GIUSTA PATINA.

Davvero molto interessante, e potente, questo esemplare di Griffes de Lion, modello che oggi é considerato molto "a la page", tanto che é ricercatissimo da architetti ed arredatori..
Tra l'altro, ho scoperto (e lo posso dimostrare tramite articoli e pubblicazioni varie..) che diversi importantissimi stilisti italiani lo hanno scelto per le loro residenza..
Una mania? una moda passeggera? Non direi, visto che questo modello di camino piace da quasi due secoli!!

In particolare questo esemplare ha dalla sua una grande qualità di scultura e pure un grande (proprio nel senso di quantità) carico decorativo..

Guardatelo bene e scoprirete come questo caminetto sia arricchito (cosa rarissima) da ben quattro riccioli rinascimentali, uno per ogni lato superiore delle sue gambe.. Non solo, osservate le sue modanature alle gambe: Vedete quanto esse siano rilevate oltre che numerose?

Anche i suoi "guerreschi" basamenti d'appoggio, le famose Zampe di Leone, sono rifinitissime (guardatene le unghie, ne godrete la tanta veridicità..) e ben proporzionate..

Per ultimo consideriamo come questo esemplare abbia ogni lastra decorata da quella che si appella "punta di diamante", un ornato non impossibile a trovarsi ma che comunque non tutti questi caminetti possiedono.

IN SOSTANZA, POSSIAMO AFFERMARE CHE IL CAMINETTO CHE STIAMO ESAMINANDO, NON SI E' FATTO MANCARE NULLA IN FATTO DI BELTA' SCULTOREA.


IMPORTANTE NOTA SULLE MODALITÀ' DELLA CONSEGNA/INCOMPRENSIONI AL MOMENTO DELLO SCARICO

Ho deciso di scrivere questa nota al paragrafo delle consegne in quanto, sempre più spesso, AL MOMENTO DELLO SCARICO, si verificano delle incomprensioni (che poi diventano le telefonate - in sede od al mio collaboratore consegnatario - di cui faccio sotto la trascrizione) del tipo:

A) "Ma io credevo che il vostro dipendente il camino me l'avrebbe portato sino in casa" (Il signore in questione abitava al quarto piano senza ascensore ed il camino aveva parti del peso di circa un quintale cadauna);

B) "Ma come, lei non me lo monta compreso nel prezzo?!" (Il "montaggio" d'un camino può variare, a seconda delle  mille modalità possibili, dai 700/800 € sino ai 3-4000 € e magari qual camino costava 1500 €..);

C) Il nostro dipendente consegnatario (che da più di vent'anni a questa parte spende giornate al telefono solo per cercare (giustamente, no?) di soddisfare al massimo le esigenze di tempo dei clienti), spesso si trova alle prese con una cliente con la quale, ad esempio, aveva concordato il rendez-vous per la consegna alle 16 del pomeriggio, la quale cliente, dimentica dell'orario stabilito, come nulla fosse, gli dice.. "Beh, porti pazienza ma io prima delle ore 20 non sarò a casa, si figuri che devo ancora passare dalla parrucchiera";

D) Si è concordato un pagamento in contanti tra noi ed il cliente al momento dell'acquisto. Poi, al momento della consegna (da tener presente che noi concordiamo il giorno e l'ora della consegne ALMENO tre giorni prima con il cliente) il cliente non ha i contanti concordati e magari sfodera un assegno delle Poste Italiane (i più falsificati al mondo!!). Così, se va bene, il nostro dipendente deve aspettare che il cliente vada in banca a fare il prelievo che non aveva fatto prima oppure il mio collaboratore deve ricaricare il tutto e perdere magari mezza giornata oltre a tutte le spese che una trasferta comporta (E SON TANTE, CREDETEMI!);

MORALE DELLA FAVOLA/CONSIDERAZIONI PER EVITARE CHE CERTE SITUAZIONI NON SI DEBBANO PIU' VERIFICARE:

Nel caso A) i clienti hanno evidentemente travisato il concetto di "CONSEGNA" mutandolo in "PRETESA DI PRESTAZIONE DA SCHIAVO EGIZIANO". A questo proposito rammento a questi signori che la schiavitù finisce con Lincoln nel secolo XIX° e che, salvo non ci sia un ascensore utilizzabile (nel qual caso il mio dipendente farà il possibile per portare sino all'appartamento le varie parti del camino), il sollevamento di oggetti così importanti, FATTI SALVI I CONTRATTI DI TRASLOCHI,  è a carico dell'acquirente. Come da Usi e Costumi civilissimi in vigore in Italia più o meno da un centinaio d'anni.

Nel caso B) invece, il cliente confonde un termine singolo e semplicissimo quale "CONSEGNA" con una frase complessa quale "CONSEGNA CON PRINCIPESCO REGALO ANNESSO".

Nei casi C) e D), che accomuno, la dimenticanza o la sottovalutazione di un impegno preso diventa MALEDUCAZIONE soprattutto nei confronti di chi lavora, magari distante centinaia di km da casa, magari costringendo il mio dipendente a far brutte figure con il cliente che sta aspettando la consegna successiva.

Add to cart