814 AG IL GRANDE CAMINO DI UN GRANDE UOMO, GERHARD RICHARD GUMPERT

€ 9.000,00

Larghezza max 163 Altezza max 113 Larghezza bocca 116 Altezza bocca 97 - Profondità pianale 16

PREZZO IMPONIBILE € 9000 COMPRESA CONSEGNA
("IMPONIBILE" STA PER "+ IVA 4%, 10% o 22% A SECONDA DEI CASI")

DEVO FARE ALCUNE PRECISAZIONI PRIMA D'INIZIARE IL MIO COMMENTO A QUESTO FASCINOSO ED ELEGANTE CAMINETTO:
A) ESSO E' APPARTENUTO AL SIGNOR GERHARD RICHARD GUMPERT, UN UOMO CHE (COME LEGGERETE QUI SOTTO) HA AVUTO UNA STORIA DI INCREDIBILE UMANITA' E GRANDEZZA;
B) NELLO SCRIVERE IL COMMENTO AL CAMINO NON RIUSCIRO' (LO SO GIA', LO SENTO, E QUINDI LO CONFESSO SUBITO A CHI MI LEGGE) A NON FARMI INFLUENZARE DALL'UOMO CHE PER TANTI ANNI GLI E' STATO VICINO, GODENDONE IL CALORE FISICO ED ESTETICO NEI SUOI MOMENTI DI MEDITAZIONE.
C) IL PREZZO CUI PROPONGO QUESTA ANTICA E NOBILISSIMA SCULTURA NON TIENE CONTO DEL VALORE STORICO DELLA SUA PROPRIETA', MA SOLAMENTE DELLA SUA EPOCA, DEL SUO STILE E DELLA PREZIOSITA' DEI MARMI CON CUI E' STATO SCOLPITO. TROVERETE IN COMMERCIO CAMINI REGGENZA DELLA STESSA EPOCA A PREZZI BEN PIU' ELEVATI, PROVARE PER CREDERE.

C'era la guerra, la più terribile e crudele mai vissuta dall'umanità ed il nostro Richard era segretario dell'ambasciatore tedesco al Vaticano. In quella veste, nell'anno 1943 in particolare, il nostro si prodigò per salvare parecchi civili dalle repressioni di Kappler (Rif. Robert Katz. "Roma Città Aperta" edizioni Il Saggiatore).
La stessa guerra stava, incattivendosi, volgendo al termine quando (anno 1944) questo Signore riuscì, attraverso una mediazione tra l'Ottava Armata Alleata ed il generale Kesserling, ad evitare che San Marino venisse bombardata, così salvando, letteralmente, la Repubblica.

Era innamorato dell'Italia, il nostro Gumpert.

Tanto innamorato che vi rimase, in Italia e più propriamente nella città di Bologna, e nell'immediato dopoguerra iniziò (primo tra tutti) ad importare il mitico Maggiolino...

Di lì alla creazione della Autogerma, importatrice unica di Volkswagen, Audi e Porsche, fu un baleno...

La prima sede della sua Autogerma fu Bologna, città nella quale rimase sino al 1974 per poi trasferirsi in quel di Verona. Gli eredi hanno venduto questa storica azienda alla Volkswagen (oggi, appunto, Volkswagen Group, 5 miliardi di fatturato, una delle aziende più importanti d'Italia).

Possiamo quindi affermare che questo intelligente, abile e soprattutto generoso Uomo, sia stato lo Schindler italiano ed anche un industriale di grande stoffa, altro che i nostrani e moderni "capitani coraggiosi"!!

ECCO, QUESTO CAMINETTO NON E' SOLO UN ESEMPLARE REGGENZA IN MARMO STATUARIO CARRARA CON INCROSTAZIONI IN MARMO BRECHE VIOLETTE E VERDE ALPI (OVVIAMENTE DI CAVAZIONE ANTICA), SCOLPITO NELLA PRIMA META' DELL'OTTOCENTO, MA E' ANCHE LA STORIA, TANTO INCREDIBILE DA APPARIR FANTASTICA, DEL SUO PADRONE, UN UOMO DI QUELLI DI CUI SI E' PERSO LO STAMPO!

PROVENIENZA BOLOGNA, "VILLA PIA", VIA DI MONTE ALBANO N° 26.
IMMAGINI DEL CAMINETTO PRIMA DELLO SMONTAGGIO SONO DISPONIBILI MA, PER RAGIONI DI PRIVATEZZA, SARANNO CONSEGNATE SOLO ALL'ACQUIRENTE.

CONSIGLIO N° 64 AI MARITI DI ACCOMPAGNO:

Marisa (vostra moglie) e Mario (voi), state aggirandovi nel magazzeno della Artis da ormai un’oretta (ndr: quindi molto oltre le possibilità di resistenza del Mario, il quale può resistere tre ore filate davanti al televisore che manda in onda una partita, anche noiosissima, della Juve, ma dopo venti minuti di “negozio con moglie” è esausto e sta pensando che forse farebbe meglio a chiedere il divorzio..) ed ecco che Marisa sbotta con un “Ascolta, Mario, tra questo camino Bleu Turquin e quello in Bianco Carrara, TU, che preferisci?!” (stava per dire “Tu, che preferiresti?”, ben sapendo che il Mario non ha alcuna possibilità di scelta, ma rapida di mente come solo le femmine sono, decide di non offendere la propria scalcinata metà e di fargli credere che la sua sia una effettiva richiesta di parere).

Mario sente un brivido freddo percorrergli la schiena… “Quello che vuoi tu, tesoro…” balbetta invece di ricercare una risposta che abbia un qualche senso logico…

“Scusa, Mario, ma tu preferisci quello turchino o quello bianco?”

Mario strabuzza gli occhi alla disperata ricerca di una rapida e consistente risposta (la quale, come era accaduto prima, non gli viene neanche a morire..) e dopo qualche interminabile secondo e con fare evidentemente nervoso risponde alla Marisa con un (scelta del tutto casuale e detta senza alcuna convinzione) “…Quello bianco…”.

“Perché?! Cosa c’è che non va in quello turchino?! È l’immediata e rimproverante risposta della dolce sua metà..

Allora il Mario, in un riflesso (pallido, eh..) di residua virilità, risponde alla virago al suo fianco con un.. “Ma se non volevi la mia opinione, perché me l’hai chiesta?!

E TUTTO VA IN MALORA, DI CERTO LA SERATA NON SI CONCLUDERA’ POSITIVAMENTE PER IL MARIO, IL QUALE, INVECE, AVREBBE DOVUTO COMPORTARSI COME DA COPIONE QUI SOTTO, CIOE’ ANDANDO ALL’ATTACCO:

Marisa: “Ascolta, Mario, tra questo camino Bleu Turquin e quello in Bianco Carrara, TU, che preferisci?!”

Mario: “ Tu hai già un’idea, cara?”

Marisa (è presa alla sprovvista, si aspettava la solita inutile quanto casuale preferenza del suo maschietto ed invece viene costretta essa stessa a dare una risposta..): “Ma sì, un’idea ce l’avrei.. Quello turchino si prende bene con le tende che abbiamo in sala ed anche col copridivano di Caleffi che devo ancora spianare, il quale ha i bordi in un velluto dello stesso tono..”

Mario (con affondo conclusivo alla D’Artagnan): “Ottima scelta!! Sarà fantastica la nostra sala con quel caminetto! Mi piaceva anche prima, questo camino, ma adesso che mi hai spiegato questi abbinamenti, mi par d’essermene innamorato!”

QUESTA VERSIONE DI MARIO, STATENE CERTI, PASSERA’ UNA SERATA MERAVIGLIOSA, CON CERTEZZA DI DOPOCENA COME DA TEMPO NON GLI CAPITAVA..

Add to cart